Superlega: Perugia schiaccia Milano ed è prima. Taranto stende Padova

Superlega: Perugia schiaccia Milano ed è prima. Taranto stende Padova

Due gli anticipi della sesta giornata di Superlega. Nella prima sfida Taranto travolge Padova. In serata, la quinta vittoria di fila per Perugia, che al PalaBarton batte anche l’Allianz Milano.

TARANTO-PADOVA 3-0 (25-22, 25-21, 25-20)

—   Davanti agli occhi del presidente della Lega Pallavolo Serie A, Massimo Righi, la Gioiella Prisma Taranto, con il neo palleggiatore australiano Dosanjii già a referto, ottiene il primo successo casalingo della stagione battendo con un netto 3-0 la Kioene Padova. La temuta battuta dei veneti non ha funzionato come nelle ultime uscite (19 errori) e Taranto ne ha approfittato nella fase break. Al contrario dalla linea di fondo la squadra rossoblù è stata meno fallosa (12 errori) e più pericolosa mettendo in difficoltà la seconda linea patavina dove il ricevitore Loeppky, il più ricercato, è andato subito in apnea (chiude con un7% di perfetta su 15 ricezioni). Nel primo set Taranto ha dato il primo strappo portandosi a +4 (15-11) a metà parziale circa, Padova, tenuta a galla da Bottolo, ha provato a restare incollata (16-15, 22-21). La chiudeva poi Sabbi (25-22). Nel secondo set Taranto prendeva subito il largo (11-6) e coach Cuttini provava a cambiare qualcosa per dare maggior peso in attacco (fuori Weber per Schiro e Loeppky per Petrov) ma la sostanza non cambiava. Nel terzo parziale La Gioiella Prisma ancora inesorabile si portava sino al 22-12 in scioltezza. Coach Cuttini stravolgeva la squadra lasciando in campo i soli Vitelli e Bottolo. Quest’ultimo provava a riaprire la partita con un fruttuoso turno in battuta (3 ace consecutivi e punteggio che cambiava dal 22-14 al 22-19). Decisivi il cambio palla di Alletti (23-19) e due video-check favorevoli a Taranto (quello del 24-19 attacco out di Weber e quello del 25-21 invasione di Vitelli).

Quinta vittoria di fila in Superlega per Perugia, che al PalaBarton ha battuto anche l’Allianz Milano, che ha lottato solo parzialmente, per poi cedere nettamente alla distanza. Una Sir Safety che si sta mostrando in grande crescita anche sul piano della continuità, soprattutto in battuta. All’inizio Nikola Grbic ha presentato Giannelli in regia, Rychlicki opposto, Ricci e Solè centrali, Leon e Anderson schiacciatori, Colaci libero. Dall’altra parte Roberto Piazza ha schierato Porro regista, Patry opposto, Chinenyeze e Piano centrali, Ishikawa e Jaeschke schiacciatori, Pesaresi libero. Meglio i lombardi in avvio di gara, avanti sino al 6-9 e poi sul 9-12 grazie ad un ispirato Ishikawa, con la Sir Safety che ha recuperato grazie alla serie di battute di Leon, per poi allungare con gli attacchi di Anderson e con le battute di Plotnytskyi, sino all’attacco finale (25-20) di Rychlicki. Stesso copione nella seconda frazione, con Milano avanti (9-11) e Perugia travolgente in progressione, trascinata da un sempre incisivo Leon (8 punti nel set) e nella parte decisiva da Rychlicki (7 punti per lui e 67% nella frazione), che è andato a mettere a terra anche il punto finale (25-19). Senza storia la terza frazione, con la Sir Safety che è partita alla grande (5-0) e sul vantaggio iniziale, con Plotnytskyi (MVP) in campo al posto di Anderson, ha costruito il proprio predominio che non è stato mai messo in dubbio, andando ad infliggere a Milano la terza sconfitta in cinque gare, per poi chiudere la partita (25-12) con un ace di Leon (miglior realizzatore del match con 21 punti, tra cui 5 muri).

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/13-11-2021/volley-superlega-giornata-6-risultati-anticipi-4202379332947.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: