“Siamo giovani e sfrontati, all’Europeo per divertirci”, parola di Pinali

“Siamo giovani e sfrontati, all’Europeo per divertirci”, parola di Pinali

Operazione rinnovamento. Non totale, ma significativo. L’Italia di Ferdinando De Giorgi che farà il suo esordio all’Europeo venerdì 3 settembre contro la Bielorussia avrà tanti volti nuovi e in buona parte anche giovani o quasi giovani, basta pensare a Giulio Pinali, 24 anni, che nella rassegna continentale (gli azzurri giocheranno in Repubblica Ceca), è chiamato a sostituire addirittura Ivan Zaytsev nel ruolo di bomber della squadra.

GIULIO (ANCHE SE IN SQUADRA LO CHIAMANO TUTTI PINO), CAMBIA IN FRETTA LA VITA SOTTO RETE: AVEVA INIZIATO L’ESTATE IN PANCHINA NELLA NATIONS LEAGUE, ORA SI TROVA A GIOCARE TITOLARE ADDIRITTURA ALL’EUROPEO?

«Davvero sorprendente (lo dice ridendo, ndr). Mi hanno chiamato in VNL, nella bolla di Rimini, e ci dividevamo il posto con Gabriele Nelli. Mi sono ritagliato il mio spazio, forse potevo giocare un po’ di più, ma è stata una bella esperienza. E adesso mi trovo davanti a un Europeo, con la prospettiva di giocare titolare. Considerando che questa è una delle manifestazioni più importanti per la Nazionale. Sono molto contento».

ANCHE SE PINO NON È UNO SCONOSCIUTO VISTO CHE CALCA DA ANNI I CAMPI DI SUPERLEGA, HA INIZIATO A GIOCARE A BOLOGNA…

«Con mio fratello Roberto. Facevo tanti sport, dal calcio, al rugby, alla pallavolo, ma non basket anche se in città era il più conosciuto. Poi mi sono concentrato sul volley che era anche lo sport che piaceva di più ai miei genitori. Da una società vicino casa (Pontevecchio, ndr) sono passato alla Zinella Bologna e non mi sono più fermato».

QUELLO CHE STA PLASMANDO FEFÉ DE GIORGI, IL NUOVO COACH, È UN GRUPPO ABBASTANZA NUOVO COME LO SI VIVE DA DENTRO?

«Molto bene. Forse sarà perché siamo tutti abbastanza giovani ci divertiamo un sacco. Ridiamo molto fra noi. Anche perché buona parte dei ragazzi con cui ho giocato questa estate la Nations League, me li ritrovo in Nazionale per l’Europeo. Stiamo bene e ci divertiamo».

PIÙ PAURA DI UN FALLIMENTO O PIÙ ADRENALINA PER UNA GRANDE OCCASIONE.

«Più adrenalina. Sappiamo che troveremo tante squadre forti, ma c’è anche tanta eccitazione in squadra. Credo che non saremo fra i favoriti della manifestazione. Certo la tensione si farà sentire anche questa volta, ma so che faremo bene. Come abbiamo dimostrato anche in queste settimane abbiamo molta voglia».

DUE ANNI FA ERA IL SECONDO DI IVAN ZAYTSEV A MODENA, OGGI NE PRENDE IL POSTO IN NAZIONALE.

«Beh a dirlo così fa una certa impressione. Sapevo che in Italia ci sono tanti giocatori forti nel mio ruolo da Zaytsev, a Vettori. Poi per un motivo o per l’altro adesso non ci sono e tocca a me. Giocare titolare in Nazionale era un mio obiettivo da anni. E adesso finalmente lo riesco a raggiungere. Sono certo che darò tutto per poter onorare questa maglia e per essere all’altezza».

IN QUESTA STAGIONE È SUCCESSO DI TUTTO A PINO PINALI (APPASSIONATO DI SERIE TV E DI VIDEO GIOCHI NEI MOMENTI LIBERI DEI RITIRI) CON UNA STAGIONE GIOCATA DA PROTAGONISTA A RAVENNA.

«Sì, dopo l’ultima annata a Modena volevo assolutamente andarmi a giocare un posto da titolare. E Ravenna è stata una bella occasione. Ho avuto alti e bassi, ma mi è servita nel mio processo di crescita».

E AL RITORNO DALL’EUROPEO L’ASPETTA UN’ALTRA NUOVA ESPERIENZA, A TRENTO, UNA PIAZZA STORICA PER IL VOLLEY ITALIANO.

«Sono molto contento di avere questa opportunità. Con Lorenzetti ho già lavorato ai tempi di Modena e sono contento di ritrovarmelo adesso qui. Fra l’altro a Trento ci saremo in tanti di questa estate azzurra (oltre a Pinali anche Sbertoli, Michieletto e Lavia, sulla carta in tre sono titolari della Nazionale di De Giorgi, ndr), quindi tutti ragazzi con cui c’è un grande feeling. Ci troviamo bene, sono certo che ci prenderemo delle belle soddisfazioni anche a Trento».

FRA I SUOI GRANDI ESTIMATORI, C’È ANCHE JULIO VELASCO, CHE L’HA ALLENATA A MODENA E CHE PARLA MOLTO BENE DI LEI, CHE EFFETTO FA?

«Mi fa molto piacere. Me lo ha dimostrato con i fatti che aveva fiducia in me. Adesso spero di riuscire a ricambiare questa fiducia e a dimostrare che era ben riposta».

INIZIANDO DALL’EUROPEO…

«Quella è l’idea. In questo periodo abbiamo lavorato per trovare la nostra identità di squadra. Non abbiamo nulla da difendere in questa occasione. Sono certo che daremo tutti il 100 per cento».

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/28-08-2021/volley-siamo-giovani-sfrontati-all-europeo-divertirci-parola-pinali-420775545050.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: