Nel futuro di Andrea Giani c’è la Francia che ha trionfato a Tokyo

Nel futuro di Andrea Giani c’è la Francia che ha trionfato a Tokyo

Il suo presente è quello di cercare di vincere lo scudetto con Modena, impresa difficile, ma non impossibile con la squadra che ha a disposizione. Il futuro invece sarà quello di guidare la squadra che ha vinto l’ultima Olimpiade, la Francia, che nel 2024 (quindi fra meno di tre stagioni effettive) ospiterà i Giochi in casa. Un’occasione improvvisa e del tutto inattesa, che dovrà essere formalizzata nei prossimi giorni. Infatti dopo l’addio a Laurent Tillie (il coach che ha vinto l’oro a Tokyo) la Federazione francese è andata a chiamare un’icona delle panchine mondiali, quel Bernardinho che ha vinto l’oro olimpico (due e sempre contro l’Italia) prima ad Atene 2004 e poi ancora a Rio 2016.

Dopo aver guidato la Francia all’Europeo 2021 (eliminazione ai quarti), Bernardinho qualche giorno fa ha comunicato la decisione di rinunciare - a malincuore («è stata la decisione più difficile della mia vita») - alla panchina francese per motivi familiari che lo trattengono in Brasile.

FULMINE

—   La rinuncia di Bernardinho (papà di Bruno che gioca, guarda caso, a Modena) ha colpito in contropiede i francesi che si sono immediatamente attivati, sondando altri candidati. E il primo della lista è proprio Andrea Giani che in questi giorni ha parlato più volte con i dirigenti transalpini, ma anche con la Germania che al momento attende che la nomina di Giani venga formalizzata ufficialmente prima di andare cercare un altro allenatore. Andrea Giani - recordman di presenze in maglia azzurra come giocatore - guida i tedeschi dal 2017. Gli hanno già detto che lo possono liberarlo dall’impegno, ma da Berlino sono in attesa di una comunicazione ufficiale, che a questo punto, arriverà quando Giani verrà nominato alla guida della Francia.

L’alternativa al Giangio - come lo chiamano tutti nel volley - potrebbe essere Tuomas Sammelvuo che nella finale olimpica giapponese era alla guida di quella Russia che venne sconfitta 3-2 dai francesi. A causa delle sanzioni imposte alla Nazionale di Mosca il finlandese questa estate non avrà (per ora) una Nazionale. Per Andrea Giani probabilmente hanno pesato le sue referenze di ct. Dopo avere lavorato con l’Italia fino al 2014 (in quell’epoca il coach era Mauro Berruto), ha poi preso in mano la Slovenia e quindi la Germania, arrivando in entrambi i casi alla conquista della medaglia d’argento all’Europeo (il primo nel 2015, guarda caso a spese dell’Italia, battuta proprio dai francesi, il secondo nel 2019). Ma avranno pesato anche le “referenze” che ha maturato in questi anni, visto che a Modena - ad esempio - ha guidato i fratelli Ngapeth, in particolar modo Earvin che - si dice - abbia molto credito presso la sua federazione. In più nel nostro campionato gioca (ho ha giocato) praticamente tutta la nazionale transalpina, a cominciare da Patry e Chinenyeze che sono nell’Allianz Milano che contende a Modena un posto in semifinale.

QUANTI FRANCESI IN ITALIA

—   Al di là di come finirà la stagione in Emilia, Andrea Giani, che ha il contratto in scadenza con la società di Catia Pedrini e potrebbe non rimanere, è intenzionato a continuare con il doppio incarico. Pratica che ha caratterizzato le ultime stagioni del coach di Sabaudia. Anche se per la prima volta in carriera oggi gli viene affidata una Nazionale di vertice assoluto. Un progetto che guarda al 2024 per chiudere il ciclo olimpico di Parigi, ma che non vorrà tralasciare tutto quello che c’è in mezzo a iniziare dalla Nations League e soprattutto dal Mondiale in questa stagione e dall’Europeo del 2023 visto che come Paese organizzatore la Francia ha già un posto prenotato per il torneo olimpico. Con una squadra nel pieno della maturità e con tantissima qualità oltre con un gioco molto aperto alla fantasia. Insomma una grande occasione per Giani.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/29-03-2022/volley-futuro-andrea-giani-c-francia-oro-olimpico-4302065891846.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: