La Nwakalor non basta, Italia k.o. con la Serbia in Nations League

La Nwakalor non basta, Italia k.o. con la Serbia in Nations League

ITALIA-SERBIA 1-3 (18-25, 25-23, 24-26, 20-25)

—   Ancora una sconfitta per l’Italia alla Nations League e arriva contro la Serbia delle giovani. La nazione campione del mondo ha infatti fatto la stessa scelta dell’Italia tenendo a riposo la squadra titolare per dare spazio alle più giovani. La squadra di Bregoli mostra per due set un bel gioco con una Nwakalor esplosiva, entrata in corsa al posto di Mingardi ma si scioglie quando subisce la rimonta di Lazovic e compagne.

LE FORMAZIONI

—   Bregoli cambia un po’ la formazione inserendo Omoruyi per Guerra. Manda in campo Omoruyi-D’Odorico, Bosio Mingardi, Lubian-Mazzaro al centro e Fersino libero. La Serbia risponde con la diagonale Jaksic-Caric, Lozo-Lazovic in banda, Medic-Kocic e libero Djurdjevic. Le azzurre soffrono nel primo set, male la ricezione, attacco confuso. La Serbia ne approfitta con Lazovic (neoacquisto di Monza) e si porta subito avanti. Nel secondo set entra Nwakalor per Mingardi e con D’Odorico e l’inserimento di Battistoni in regia le azzurre trovano più ritmo ed equilibrio per riportare in pari il punteggio. Nel terzo l’Italia continua a guidare. Nwakalor ispirata, il muro che ha preso le misure alle attaccanti serbe. L’Italia costruisce fino al 24-21 poi incredibilmente, con Kocic a servizio, infila un paio di errori e va in tilt permettendo alla Serbia di tornare avanti. La botta è forte e le azzurre accusano il colpo scavandosi la fossa anche con errori e si va sul 5-1 per le serbe che sono cresciute a muro e in difesa e non mollano più la presa chiudendo la gara.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/27-05-2021/volley-nations-league-italia-ko-la-serbia-nwakalor-non-basta-4101392939708.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: