I Fenomeni esaltano gli azzurri di Fefè: “Ci siamo rivisti in quest'Italia“

I Fenomeni esaltano gli azzurri  di Fefè: “Ci siamo rivisti in quest'Italia“

“Durante la finale con la Slovenia la chat su whatsapp dei campioni della nostra generazione era caldissima”. Andrea Anastasi, attuale tecnico del Varsavia, racconta così la domenica da tifosi degli 11 compagni di squadra di Ferdinando De Giorgi che nel 1989 vinsero a Stoccolma il primo titolo europeo dell’Italvolley. A distanza di 32 anni i campioni della Generazione dei fenomeni hanno rivissuto delle emozioni uniche ritrovandosi nell’atteggiamento e nella storia del gruppo formato dal “loro” Fefè. Alla Spodek Arena di Katowice, ad assistere dal vivo alla finale, c’era Lorenzo Bernardi, giocatore simbolo degli azzurri di Velasco. “Ho rivissuto quelle emozioni. Una squadra che è cresciuta partita dopo partita” ha raccontato mister Secolo.

RIVEDERSI

—   Anche Andrea Zorzi è stato particolarmente colpito dal gruppo azzurro, da quello che Giannelli e compagni hanno trasmesso. “In molti mi hanno spesso raccontato di quello che trasmettevamo noi in quegli anni – racconta Zorro -. Ebbene domenica ho capito quello che volevano dirmi perché anch’io da spettatore ho avuto queste sensazioni particolari”.

ANALOGIE

—   Del gruppo magico che a fine anni 80 ha iniziato a raccogliere successi, in molti trovano similitudini con il trionfo di Katowice. “Le analogie con la squadra di Stoccolma ci sono – racconta Stefano Margutti -. Su tutte il fatto che c’è un gruppo che ha lavorato a lungo insieme con il Club Italia come avevamo fatto noi nella Juniores con Alexander Skiba”. Ma anche sull’andamento della partita ci sono situazioni che riportano alla mente il successo sulla Svezia di 32 anni fa. “Già, io entrai a partita in corso al posto di Gardini – ricorda Roberto Masciarelli – mentre Anastasi rilevò Cantagalli. Gli ingressi di Ricci e Romanò mi hanno riportato indietro a quella situazione”. Andrea Gardini guarda invece alle analogie storiche. “Il parallelo è perfetto – ricorda l’attuale tecnico dei polacchi dello Jastrzębski -. Anche allora, con l’arrivo di Velasco ci fu alla vigilia del torneo un ricambio generazionale e vennero lasciati a casa molti senatori”.

EREDITÀ

—   Nel torneo vinto dagli azzurri a impressionare i campioni del 1989 è stato il 19enne Michieletto. “Alessandro è stato eccezionale – sottolinea Marco Bracci -, per i palloni pesanti che ha messo in terra e per come ha raccolto i suoi compagni nei momenti decisivi della finale, nel 4° set e nel tiebreak”. Con Lorenzo Bernardi che spinge oltre: “Michieletto può diventare un top player già al Mondiale 2022 e sicuramente diventerà più forte di Bernardi e Cantagalli”.

FORZA FISICA

—   Paolo Tofoli, allora 23enne regista di quell’impresa e oggi tecnico in A3 di San Donà, ci tiene evidenziare le caratteristiche di questo gruppo guidato in campo da Giannelli: “Entusiasmo, spensieratezza, con un briciolo di sfrontatezza. E Simone da vero leader ha condotto i compagni in questo Europeo”. Sulla stessa lunghezza d’onda Luca Cantagalli: “Un gruppo che ha giocato con una tranquillità disarmante sviluppato un gioco impressionante”. Si allinea anche Gilberto Passani che però pone l’accento su ulteriori doti messe in mostra dagli azzurri: “Hanno tirato fuori una grinta, una voglia di fare, una fame che sono state decisive”.

AMICO C.T.

—   Andrea Lucchetta era presente a Katowice come commentatore Rai: “Sono orgoglioso di questi ragazzi – racconta Lucky – e sono contento per De Giorgi. A fine partita sono andato dal c.t. e gli ho mostrato la foto dell’1989 quando da capitano alzai la coppa dell’Europeo. Al mio fianco c’era lui mentre domenica al suo fianco c’era l’mvp Giannelli. Sono stati straordinari nel trasmetterci l’amore per questa maglia”. Capolavoro di De Giorgi che anche Anastasi ci tiene a esaltare: “È l’oro di Ferdinando, in poco tempo è riuscito a gettare le basi per un capolavoro sportivo”. Trentadue anni dopo la Generazione dei Fenomeni ha scoperto i suoi eredi. Da Stoccolma a Katowice il marchio di garanzia lo ha messo De Giorgi.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/22-09-2021/volley-fenomeni-promuovono-azzurri-innamorati-questa-italia-4201374092938.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: