Egonu, la regina difende il trono: “Quello che hai fatto non conta più”

Egonu, la regina difende il trono: “Quello che hai fatto non conta più”

Una settimana o poco più per l’inizio della nuova stagione. Quella della normalità, più o meno, quella in cui torneranno i tifosi nei palazzetti. Domani a Modena ci sarà l’antipasto con la Supercoppa fra la vincitutto Imoco Conegliano e l’eterna rivale Igor Novara mentre ancora gli occhi degli appassionati sono pieni delle immagini dell’Europeo vinto da Sylla e compagne e dei riconoscimenti alle nazionali azzurre. E la star dell’Italia come al solito è stata Paola Egonu, premiata come Mvp dell’Europeo. Settimane dense di riconoscimenti per il bomber dell’Italia e di Conegliano, premi che in parte vanno a consolare della deludente esperienza olimpica che tanti strascichi e polemiche ha lasciato.

LA VITTORIA DELL’EUROPEO E LA SUA ECO, CON PREMI E RICONOSCIMENTI, COME L’HA VISSUTA?

”È un grande onore per me - dice la giocatrice nata a Cittadella -. L’incontro con il presidente Mattarella è stato molto emozionante”.

MIGLIOR GIOCATRICE DELL’EUROPEO, MIGLIORE DELL’ANNO SECONDO LA CEV. TANTI RICONOSCIMENTI DOPO L’ORO NELL’EUROPEO: SE LI ASPETTAVA?

“Non è una cosa a cui ho pensato molto. L’unica che volevo davvero era vincere con la squadra. Eravamo felicissime, soprattutto dopo l’estate lunga e dopo la delusione dell’Olimpiade. Contente di esserci fatte trovare pronte per la seconda possibilità. Non era scontato”.

NON ERA SCONTATO PERCHÉ COMUNQUE ERA TANTO CHE LA NAZIONALE NON VINCEVA UN TROFEO.

“No è vero, ma di risultati ne avevamo fatti altri: le qualifiche all’Olimpiade, l’argento Mondiale, il bronzo europeo due anni fa. Questo gruppo ha lavorato tanto e ogni estate ha ottenuto un risultato”.

MEDAGLIA D’ORO VINTA IN UN PALAZZETTO PIENO COME NON ERAVATE PIÙ ABITUATE A VEDERE. E NON ESATTAMENTE DALLA VOSTRA PARTE VISTO CHE SI GIOCAVA A BELGRADO CONTRO LA SERBIA.

“Il primo set mi tremavano le gambe, dico la verità, poi piano piano siamo entrate nella trance della gara e non li ho più sentiti. Non è stata certo una vittoria facile, questo sì”.

VI STATE GODENDO GLI EFFETTI?

“L’abbiamo vissuta bene, siamo felici ma è finita, ora ognuna pensa alla propria stagione di club. Come dice Dani (Daniele Santarelli, coach di Conegliano, ndr) quello che hai fatto non conta più”.

INIZIA IL PROSSIMO CAMPIONATO CON CONEGLIANO ANCORA SQUADRA DA BATTERE?

“Sarà una stagione molto interessante non vedo l’ora di giocare di nuovo in campionato. Sarà come lo scorso anno. Le squadre forti sono molte e non credo che sia così scontato vincere per noi”.

CHE SENSAZIONE DÀ L’IDEA DI GIOCARE DI NUOVO DAVANTI AI TIFOSI ANCHE SE DIFFICILMENTE SI POTRÀ VEDERE UN PALAZZETTO PIENO.

“Ci siamo abituate al silenzio, ma non vedo l’ora di sentire di nuovo i tifosi che tifano per noi. Sarà bellissimo”.

DOPO UN ANNO DI INFINITE PRECAUZIONI, CI SARÀ UN CONTRACCOLPO NEL TORNARE, PARZIALMENTE, AD ABITUDINI NORMALI?

“Assolutamente no, siamo professioniste non credo ci saranno grandi differenze. Sono felice che tutto ritorni più o meno come prima. L’attenzione ci sarà comunque sempre per evitare il contagio ma non è che qualche libertà in più ci può distrarre”.

VIENE CONSIDERATA LA MIGLIORE OPPOSTA DEL MONDO. QUESTA COSA LE PESA O LA ESALTA?

“No, non è una cosa che mi pesa, anzi, è un onore: vuol dire che sto lavorando bene e che si vede, lo vedono anche gli altri. È bello”.

SI SENTE AL TOP?

“Penso di dover migliorare ancora tanto. In realtà non si smette mai di imparare. È una cosa che vedo anche nelle mie compagne di squadra e prendo esempio. Non ci si annoia mai, siamo determinate cerchiamo di arrivare alla perfezione”.

IN UN MODO O NELL’ALTRO È SEMPRE SOTTO I RIFLETTORI PER UNA CHE TIENE ALLA PRIVACY COME GESTISCE TUTTA QUESTA ATTENZIONE?

“Ho imparato con gli anni, mi sono abituata. Credo che sia abbastanza normale”.

L’HANNO RECLUTATA PER FARE UNA PUNTATA DELLE IENE. COME SI SENTE NEI PANNI DI IENA?

“Sono curiosa, ancora non abbiamo registrato la puntata. Sarà sicuramente un’esperienza bella, non vedo l’ora di provare”.

HA PARTECIPATO ANCORA ALLE SFILATE DI ARMANI. È UN MONDO CHE LA ATTIRA? GLI IMPEGNI COME SI CONCILIANO CON LA VITA SPORTIVA?

“Assolutamente sì, mi piace sempre molto e quando torno in campo sono più carica e mi diverto di più”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/01-10-2021/volley-a1-donne-egonu-regina-difende-trono-4201558829587.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: