Diouf lascia l’Italia: “Situazione inaccettabile“

Diouf lascia l’Italia: “Situazione inaccettabile“

Da giocatrice rivelazione del Mondiale 2014, a protagonista del campionato di A-1, alla scelta di andare a mettersi alla prova nei campionati stranieri. Valentina Diouf non passa mai inosservata: e dopo tre anni fra Brasile e Sud Corea, il rientro in A-1 con la maglia di Perugia era atteso con curiosità. Invece l’avventura umbra è finita nel peggiore dei modi e l’opposta, in azzurro fino al 2016, andrà a finire la stagione nella Tauron Liga polacca con il ŁKS Commercecon Łódź che l’ha annunciata proprio oggi.

DIVORZIO TRAUMATICO

—   Qualche giorno fa Valentina Diouf ha ufficializzato la crisi chiedendo la rescissione del contratto con Perugia. Il club l’ha accontentata dopo pochi giorni con un comunicato molto duro in cui la si accusa di lasciare la squadra in emergenza (Perugia è ultima in classifica). La giocatrice milanese però non ci sta: “La rottura nasce da un percorso, non è stata improvvisa e si sono accumulate tante situazioni che mi hanno portato a questa decisione - spiega -. Ma ci tengo a sottolineare che il problema non nasce dalle compagne di squadra e che non ha nulla a che vedere con la classifica. Mi hanno accusato di aver lasciato la squadra in difficoltà ma se avessi pensato solo a me avrei lasciato prima quando potevo ancora trasferirmi in qualche squadra italiana e ne avrei avuto la possibilità”. Certo, una richiesta di interruzione del contratto a metà stagione fa storcere il naso a molti: “Ho 29 anni, non l’ho mai fatto. In nessun posto è tutto perfetto ma un modus vivendi si trova comunque. Se sono arrivata a questa decisione per la prima volta a 29 anni era perché non potevo andare avanti. Da fuori può sembrare facile ma è tutto fuorché facile. A prescindere dai soldi che ho perso, è una decisione pesante, ci vogliono le palle e ne accetto tutte le conseguenze. Ma ho segnalato più volte che c’erano problemi e non sono stata ascoltata. Certe situazioni non sono accettabili e potermi guardare allo specchio la mattina conta più dei soldi che ho perso”. Non vuole scendere nei particolari Valentina, non lo ha fatto neanche nel post su Instagram in cui ha spiegato le sue motivazioni.

” Non sono d’accordo sul fomentare l’odio - dice - potevo accettare il gioco delle polemiche ma non sono mai d’accordo su queste cose. Il loro post ha fomentato l’odio”.

IN POLONIA

—   Intanto proprio oggi è arrivata l’ufficializzazione dell’ingaggio da parte del ŁKS Commercecon Łódź, squadra quinta in classifica nella Tauron Liga e che l’opposta raggiungerà appena possibile. Ingaggio che, come ha sottolineato Valentina nel suo messaggio, si è interessata a lei solo dopo la notizia della rottura con Perugia: “Affronto questa nuova prospettiva con tantissima grinta. Sono felice che sia in Europa e conosco la loro palleggiatrice brasiliana. E parlando abbastanza bene il portoghese sarà più facile capirsi con lei. Non vedo l’ora di cominciare”. E di mettersi le polemiche di questi giorni alle spalle.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/28-01-2022/volley-diouf-lascia-l-italia-situazione-inaccettabile-4301142485517.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: