Danesi, cuoca d’oro: “Studio e cucino ma mi piace viziarmi“

Danesi, cuoca d’oro: “Studio e cucino ma mi piace viziarmi“

“La mia grande fortuna è che non ho problemi di linea: tutto quello che mangio lo brucio in palestra. Quindi posso abbuffarmi quanto mi pare, fra l’invidia delle compagne. Che mi ripetono, “ma come fai a mangiare così tanto e a non ingrassare?””. Il rapporto con la cucina per Anna Danesi è tutt’altro che conflittuale. Anzi. E’ di grande complicità, senza nessun senso di colpa. La neo capitana del Vero Volley Monza, già protagonista con la Nazionale della vittoria dell’Europeo, in cucina si sente a suo agio. Quando si parla di “piatto preferito” non ha esitazioni. “Spaghetti alle vongole. Quello per me è il primo sinonimo di vacanza. Tanto è vero che non è un piatto che mi piace prepararmi in casa, ma che adoro mangiare al ristorante. Lo spaghetto così mi rimanda subito la mente al mare. Relax, nessun impegno, magari un ristorante sulla spiaggia e perché no da accompagnare con un buon vino”, spiega ancora Anna, centrale, classe 1996. E poco importa se gli spaghetti alle vongole non sono un piatto che richiama la tradizione della sua terra (Danesi è bresciana), è quasi uno stato mentale.

GRATIFICAZIONI

—   Anche perché la cucina è entrata in maniera prepotente nella vita di Anna. “Mi sono comperata anche il Bimby, un’invenzione eccezionale. Mi dimezza i tempi di lavorazione anche quando non ho voglia di stare troppo ai fornelli dopo un allenamento, ma mi permette di fare qualcosa anche di più elaborato. Mi fa piacere l’idea di coccolarmi, magari con un bel dolce di cui sono ghiotta. Anche se sono in casa da sola (“Anzi quasi preferisco farmi una cosa tutta per me”). Non è necessario che ci sia un evento particolare per “festeggiare”. In questo caso mi preparo una cheesecake, che penso sia quello che mi riesce meglio e non è eccessivamente complesso. Se si tratta di una uscita in gruppo (sempre nel rispetto norme del momento) Anna non ha dubbi: “Non facciamo quasi mai cene in casa, ma se c’è un’occasione allora andiamo fuori al ristorante”. Mentre la nutrizione diventa anche una parte del suo bagaglio culturale. Dopo la laurea in Scienze Motorie (il corso triennale) adesso Anna ha intrapreso un biennio di studi Universitari su Scienza della Nutrizione. “Ogni tanto sgarro. Confesso che se devo pensare a una cosa “proibita” immagino un hamburger con le patatine che sono il massimo della trasgressione, magari dopo un allenamento…”. Il Vero Volley Monza (sia il maschile che la femminile hanno una consulenza con un nutrizionista, che è consultabile in qualsiasi momento dagli atleti delle squadre. “Ci dà consigli, e suggerimenti su quello che dobbiamo fare o cosa è meglio evitare. Poi è chiaro che quasi tutti si regolano da soli visto che la maggior parte delle volte siamo da soli a casa quando ci prepariamo il pranzo o la cena”.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/01-10-2021/volley-danesi-cuoca-d-oro-studio-cucino-ma-mi-piace-viziarmi-4201580268436.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: