Champions: Trento travolge Berlino e vede la semifinale

Champions: Trento travolge Berlino e vede la semifinale

TRENTINO – BERLINO 3-0 (27-25, 25-19, 25-22) Buona la prima per la Trentino Itas. La squadra di Lorenzetti fa sua la gara d’andata dei quarti di finale della Champions League ed ora, per sbarcare in semifinale, basterà vincere due set in Germania la prossima settimana, pur dovendo rinunciare a Daniele Lavia per un guaio muscolare. Dopo un primo set da battaglia un buonissimo Giulio Pinali e un Lisinac che con Sbertoli si trova davvero a meraviglia, trascinano i trentini ad un successo in tre parziali. Troppo falloso e discontinuo questo Berlino per tenere testa ad una Itas cui manca solamente un passo per confermarsi fra le prime quattro squadre d’Europa dopo aver già conquistato un posto sul podio della Supercoppa Italiana, Coppa Italia e regular season di SuperLega. Mentre i tedeschi presentano in campo i più attesi, ovvero il libero argentino Santiago Danani (ex Padova e che tanto piaceva anche alla stessa Trento) e l’opposto Patch, Lorenzetti deve fare appunto a meno di Daniele Lavia a causa di una minima lesione al retto addominale.

INFORTUNIO

—   Così l’opposto lo fa Giulio Pinali, mentre il resto del sestetto è quello ormai consueto. L’efficacia del muro-difesa trentino permette ai padroni di casa un primo allungo sull’8-5, merito dell’attacco in lungolinea di Michieletto, l’ace di Schott riporta in scia i berlinesi (9-8) prima che un’altra battuta vincente, quella di Patch su Kaziyski, non ristabilisca la parità (11-11). Lorenzetti deve poi fermare tutto quando Grankin stampa a muro ad uno Kaziyski per l’11-13, un break di margine che porta molto chiaramente in calce la firma del palleggiatore russo autore di alcune ottime scelte in regia che fanno correre il muro trentino (14-16). La nuova parità arriva a quota 18 pari grazie all’ace di Pinali, la miccia ad un acceso e combattuto finale di set lo accende il diagonale di Carle per il 21-21. Negli ultimi scambi Grankin commette un erroraccio che regala il set ball a Trento, Schott annulla con un mani-out su Kaziyski ed ai vantaggi dove a sigillare il primo parziale per i trentini è il muro di Podrascanin su Patch dopo una difesa da applausi di Danani. Nel secondo parziale si inizia di nuovo con i dolomitici avanti (7-4) costringendo coach Enard a fermare i giochi, ma serve ben a poco. Perché pochi scambi dopo la scena si ripete: la panchina tedesca chiama time-out ma col punteggio che recita 11-4 per la Trentino Itas complici qualche errore tedesco, le battute di Podrascanin, gli attacchi di Kaziyski ed il muro di Lisinac. L’ace di Schott fa respirare Berlino (12-7) almeno per qualche scambio, perché Trento gioca semplicemente meglio in tutti i fondamentali (17-10) mentre i tedeschi non riescono ad essere efficaci nel mettere palla a terra come nel primo set quando comunque il numero di errori è stato alto. Berlino respira con tre punti praticamente consecutivi del centrale Jendryk per il 18-13, ma ormai Trento ha un margine tale (21-16) che può andare a condurre in porto il parziale senza troppi patemi. Si torna a battagliare (8-8) in avvio di terzo parziale, dove il primo allungo trentino arriva sul 14-12 grazie a Pinali che costringe al time-out la panchina tedesca. Podrascanin viene murato da Jendryk e Berlino resta in scia (17-16), la parità arriva col mani-out di Schott per il 19-19 che obbliga Lorenzetti a fermare le ostilità. Nelle ultime battute del set il parziale è deciso a favore dei trentini dal muro di Kazisyki su Carle per il 23-21 con lo stesso bulgaro che poi si fa carico dei palloni decisivi.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/10-03-2022/volley-champions-trento-travolge-berlino-vede-semifinale-4301793324664.shtml

Nancy
Nancy Non esistono per me storie ed emozioni che non possono essere narrate, o volti, i cui profili, non possono essere fedelmente tracciati.
Valutazione: