A-1 donne al via, Sylla: “Che concorrenza. Speriamo sia difficile, il pubblico merita spettacolo“

A-1 donne al via, Sylla: “Che concorrenza. Speriamo sia difficile, il pubblico merita spettacolo“

La stagione 2021-22 è iniziata senza di lei. La festa europea è durata poco per Miriam Sylla, costretta a fermarsi per un problema a un ginocchio per cui si sta curando a Siviglia. Anche la Supercoppa l’ha potuta vedere solo in tv: “Ho anche pianto un po’ all’inizio. Avrei voluto star lì con le mie compagne per questo primo appuntamento delle stagione. Poi sentivo i tifosi che cantavano le nostre canzoni. Che bello sapere che li ritroveremo, anche se pochi (per ora). È già tanto. Non è tutto ovviamente. E di strada ce n’è ancora da fare, ma è qualcosa”. La capitana azzurra è in modalità campionato e vorrebbe tuffarsi a tempo pieno nella contesa per i trofei di stagione. Per rivederla bisognerà aspettare qualche settimana (si parla di due mesi), nel frattempo non si tira indietro per una riflessione sulla stagione numero 77: “Secondo me sarà un’annata molto interessante perché diverse squadre si sono rafforzate e quindi la competizione sarà ancora più difficile. E nel nostro campionato si possono vedere campionesse olimpiche e diverse medagliate di Tokyo. Il fatto che tutte queste giocatrici forti scelgano e continuino a scegliere l’Italia è la dimostrazione di quanto sia forte il nostro torneo di A-1”. Scendendo nel particolare la schiacciatrice di Conegliano si sbilancia: “Oltre a noi. Mi sembrano più forti Monza, Scandicci e ovviamente Novara”. Le piemontesi eterne rivali hanno dato filo da torcere all’Imoco in Supercoppa: “I primi due set ho sudato, lo ammetto. Hanno cambiato qualche giocatrice, ma soprattutto hanno gente come Cristina (Chirichella, ndr) e Caterina (Bosetti, ndr) che sono toste e hanno fame. Non sarà facile continuare a batterle”.

NUOVE STAR

—   Volti nuovi nel campionato ce ne sono. Chi è che è curiosa di vedere Miriam dal vivo: “Karakurt è molto forte, con la Nazionale ci ha dato spesso filo da torcere. Poi le brasiliane Natalia e Ana Beatriz che sono molto forti. E la serba Mihajlovic a Monza. E poi la Lippmann che è cresciuta parecchio rispetto alla prima volta in Italia a Firenze”. E fra le giocatrici italiane da chi si aspetta l’esplosione: “Io spero che Elena Pietrini trovi più spazio a Scandicci rispetto allo scorso anno perché in Nazionale ha dimostrato di essere una gran giocatrice. Poi Eleonora Fersino che è un gran bel libero e ora ha la possibilità di dimostrarlo. E anche da noi Loveth Omoruyi sta crescendo molto, avrà le sue chance. Queste sono le prime che mi vengono in mente, ma ce ne sono altre di ottime giocatrici”.

PRONOSTICI

—   E Conegliano sarà ancora la squadra da battere. Anche Miriam se lo augura: “Voglio vincere ancora con l’Imoco. E mi auguro che sia difficile perché il pubblico se lo merita. Si merita un grande spettacolo e che si combatta fino all’ultimo”. La guerriera non si smentisce mai, tanto più ora che può esibire la sua prima medaglia d’oro da capitana: “Sono felice perché rialzarsi dopo Tokyo non era scontato. Non so quanti sarebbero stati capaci di fare quello che abbiamo fatto noi”. E gli attacchi: “Quelli sui social non li ho proprio considerati. Diciamo che mi dispiace che chi ha lasciato andare la lingua e le dita poi si sia unito ai festeggiamenti, ma va così. Io sono orgogliosa dell’Italia”. E pronta a ricominciare.

Fonte: https://www.gazzetta.it/Volley/09-10-2021/volley-a1-donne-conegliano-sylla-pubblico-merita-spettacolo-4201714685486.shtml

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: